agosto 14, 2017 / by admin / Guide / No Comments

Creare un Firewall con Iptables

Risulta essere ormai una pratica consolidata, in una rete aziendale, quella di avere un firewall perimetrale attraverso cui passa tutto il traffico in uscita della rete locale, e che regola il traffico in arrivo dall’esterno. La situazione ideale è quella di permettere il traffico in uscita verso Internet e di bloccare tutto il traffico in ingresso da Internet ad eccezione delle risposte alle richieste generate all’interno della rete locale, poi ovviamente succede sempre che devi aprire una porta per il tal servizio, poi l’altro vuole l’accesso remoto, quindi magari pensi che ci starebbe bene una VPN.
Esistono diversi firewall hardware che svolgono ottimamente questo compito, ma se abbiamo già disponibile un vecchio PC con due schede di rete, possiamo costruirci in modo autonomo un firewall utilizzando una qualsiasi distribuzione Linux. Un’ottima distribuzione da utilizzare per questo scopo è una Debian con installato solamente il sistema di base, infatti tutto ciò che serve per gestire il firewall è compreso nel kernel e più precisamente nel componente Netfilter, che permette appunto di gestire firewall e natting sulla propria macchina Linux tramite diverse regole che vengono definite dall’amministratore tramite il programma iptables.

Iptables raggruppa logicamente i pacchetti in transito sul firewall in base al loro “comportamento” e li suddivide in tre catene generali: INPUT (i pacchetti in ingresso), OUTPUT (i pacchetti in uscita) e FORWARD (i pacchetti in transito tra una scheda di rete e l’altra), quindi, all’interno di queste tre catene, è possibile regolare il traffico di rete in modo anche molto sofisticato. Nel nostro caso invece dovremo semplicemente creare un firewall e non avremo bisogno di un elevato grado di sofisticazione.

Il nostro firewall si posiziona tra la rete locale ed il router Internet che avrà un indirizzo IP pubblico, per cui, il firewall avrà un’interfaccia di rete chiamata eth0 con un indirizzo IP valido sulla LAN, ed un’interfaccia di rete eth1 connessa direttamente col router e con un indirizzo IP pubblico assegnato in grado di comunicare con il router; a questo punto possiamo cominciare con la definizione delle regole del nostro firewall.

Per farlo, creiamo un piccolo script che posizioniamo nella directory /etc/default/ (in realtà penso si possa posizionare più o meno ovunque, io lo metterei comunque dentro /etc) chiamato semplicemente firewall (o comunque lo vogliamo chiamare), quindi lo rendiamo eseguibile e lo andiamo ad editare:

# touch /etc/default/firewall
# chmod 755 /etc/default/firewall
# nano /etc/default/firewall

Come primo passo, dobbiamo abilitare il “routing” tra le due schede di rete, scrivendo all’interno del file l’istruzione

echo 1 > /proc/sys/net/ipv4/ip_forward # abilita il routing tra le due schede di rete

Ora dobbiamo cancellare qualsiasi altra impostazione precedente data a Netfilter e specificare il comportamento predefinito delle tre catene principali:

iptables -F #cancella le impostazioni delle tre catene principali
iptables -X #cancella eventuali catene personalizzate
iptables -P INPUT DROP #rifiuta le connessioni in ingresso
iptables -P OUTPUT DROP #rifiuta le connessioni in uscita
iptables -P FORWARD DROP #rifiuta le connessioni in transito

Trattandosi di un firewall, dobbiamo grossolanamente specificare che le connessioni in uscita sono abilitate mentre non lo sono quelle in ingresso ed in transito, per evitare che le connessioni richieste dalla rete Internet verso la rete LAN possano essere accettate; in questo modo però non sono accettate nemmeno le richieste di connessione dalla rete LAN verso il firewall, ed anche se fossero accettate, non riuscirebbero ad arrivare all’interfaccia eth1 a causa del comportamento predefinito della catena FORWARD, si tratta quindi di raffinare il comportamento del firewall. Inoltre, in questo caso, blocchiamo anche le connessioni in uscita, che non è quel che ci serve, ma come politica predefinita è più sicura, poiché se un pacchetto in uscita non sa come comportarsi, viene scartato. Come prima cosa, accettiamo le connessioni in ingresso su eth0 provenienti dalla nostra LAN, non strettamente necessario ma sicuramente molto utile per amministrare il firewall:

iptables -A INPUT -s 192.168.10.0/24 -i eth0 -j ACCEPT #accetta le connessioni in ingresso dalla propria LAN

ora dobbiamo permettere che i pacchetti in transito da eth0 a eth1 non vengano filtrati dal firewall, quindi dobbiamo fare in modo che i pacchetti di ritorno di connessioni generate dalla nostra rete locale possano transitare nella direzione opposta, cioè da eth1 a eth0:

iptables -A FORWARD -s 192.168.10.0/24 -i eth0 -o eth1 -j ACCEPT #permette il transito di pacchetti provenienti dalla nostra rete locale con destinazione il mondo esterno
iptables -A FORWARD -i eth1 -o eth0 -m state –state ESTABLISHED,RELATED -j ACCEPT #consente ai pacchetti di ritorno di transitare da eth1 a eth0 solo se la connessione era stata già stabilita

Così facendo, i client possono accedere ad Internet ma il firewall non può, cosa che non è positiva visto che di tanto in tanto è necessario aggiornare la nostra distribuzione, quindi vanno aggiunte queste due righe, di cui la seconda ha effetto anche per :

iptables -A INPUT -i eth0 -m state –state ESTABLISHED,RELATED -j ACCEPT #consente ai pacchetti generati direttamente dal firewall di tornare indietro
iptables -t nat -A POSTROUTING -o eth0 -j MASQUERADE #abilita il natting in modo tale che tutti gli IP mittente vengano cambiati con l’IP di eth1

A questo punto, bisogna fare due operazioni, la prima permettere che i pacchetti che arrivano in ingresso su eth0 possano tornare verso la rete locale (operazione necessaria essendo la catena OUTPUT impostata su DROP come comportamento predefinito), quindi, per fare uscire il firewall verso Internet, bisogna che l’interfaccia eth1 sia abilitata in uscita:

iptables -A OUTPUT -d 192.168.10.0/24 -o eth0 -m state –state ESTABLISHED,RELATED -j ACCEPT #consente l’invio dei pacchetti di risposta generati in seguito a richieste della rete locale
iptables -A OUTPUT -o eth1 -j ACCEPT #consente il transito dei pacchetti in uscita da eth1

Ora i nostri client e il nostro firewall sono in grado di navigare, ovviamente però i client dovranno avere come default gateway l’indirizzo IP di eth0 del firewall. Per rendere attive queste impostazioni, è sufficiente lanciare lo script appena creato, il problema è che così facendo le modifiche andrebbero perse al successivo riavvio del firewall, per cui, è possibile richiamare questo script dal file /etc/network/interfaces in modo da applicare le regole di iptables ad ogni riavvio della rete, e quindi ad ogni riavvio del firewall; per farlo, è sufficiente aggiungere al file /etc/network/interfaces questa riga:

pre-up /etc/default/firewall

ed a questo punto abbiamo il nostro firewall pronto per entrare in funzione.

Possiamo vedere un’ultima casistica, e cioè quella dell’apertura di porte al mondo esterno sul nostro firewall. Ad esempio, potrebbe essere utile aprire la porta 22 del nostro firewall per consentirne l’amministrazione tramite SSH, quindi aggiungere la seguente riga al nostro script

iptables -A INPUT -s 1.1.1.1 -i eth0 -p tcp –dport 22 -j ACCEPT #consente l’accesso via SSH al nostro firewall esclusivamente all’indirizzo IP 1.1.1.1

che consente di accedere ad SSH sul firewall solo all’indirizzo IP 1.1.1.1, se limitare l’accesso SSH per indirizzo IP non è possibile, allora va levata l’opzione -s.

Molto interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca

Categorie